Il 74-89 % dei conti di investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Tassazione Cedole Obbligazioni

Tassazione Cedole Obbligazioni Chi investe in bond spesso dimenticata di fare i conti con la tassazione cedole obbligazioni. E questo è un errore comune che tutti tendono a fare non solo con la tassazione cedole obbligazioni ma anche con le azioni, gli Etf e i fondi d’investimento comuni.

Non dare la giusta attenzione alla tassazione delle cedole delle obbligazioni è però particolarmente penalizzante, perché i rendimenti dei bond sono molto risicati.

Un conto infatti è pagare le tasse su un guadagno del 20-30% realizzato con le azioni. Un altro è pagare le tasse su un guadagno dell’1,5% realizzato con i Btp .

Si va a togliere una fetta di una torta che è già molto piccola.

Facciamo quindi un po’ di chiarezza su questo argomento, anche perché è meno semplice di quanto si creda.

Tanto per iniziare infatti la tassazione delle cedole delle obbligazioni non è unica.

Ne esistono infatti due:

  • 26% per le cedole di tutti i bond ad eccezione dei titoli di Stato e di organizzazioni internazionali
  • 12,5% per le cedole dei titoli di Stato e delle organizzazioni internazionali

 

La tassazione delle Cedole delle Obbligazioni Governative è più Bassa

btp italiani Partiamo dalla tassazione delle cedole delle obbligazioni governative.

Questa tipologia di bond è sicuramente la più diffusa ed anche quella più conveniente da un punto di vista fiscale. Come già detto si paga solo il 12,5%.

È un trattamento di favore che il governo italiano riserva agli obbligazionisti e a se stesso.

In questo modo invoglia infatti i risparmiatori a prestargli denaro. Cosa di cui ha disperato bisogno.

Come tutti sanno il debito pubblico italiano è altissimo e va continuamente rifinanziato.

Il ministero del Tesoro è dipendente dalla propensione degli investitori a investire in Btp.

A questo fine usa la leva fiscale.

Visto però che non può fare “figli e figliastri”, ha esteso questa regola anche a tutte le altre emissioni governative e a quelli delle organizzazioni internazionali, come per esempio la World Bank.

In un settore strettamente interdipendente come quello finanziario l’Italia non potrebbe permettersi di prendere una decisione troppo sfacciatamente a favore del proprio debito.

Ecco quindi alcuni esempi di obbligazioni le cui cedole godono di una tassazione privilegiata al 12,5%:

  • i Btp italiani
  • i Bund tedeschi
  • gli Oat francesi
  • i bond della World Bank
  • i bond della Banca europea per gli investimenti (Bei)

 

La Tassazione delle Obbligazioni Corporate è più Alta

corporate bondsLo Stato italiano è invece un po’ meno generoso con le cedole delle obbligazioni corporate, cioè il debito emesso dalle aziende.

Il prelievo sulla cedola sale infatti al 26% e si va così ad allineare a quello sul capital gain delle azioni.

Si paga dunque praticamente il doppio.

Se grazie a una cedola incasso 100 euro ne dovrà quindi dare 26 al Fisco se il bond è corporate e solo 12,5 se il bond è governativo.

Va però anche detto che, in questo momento, i rendimenti dei bond emesse dalle aziende è più alto di quello dei titoli governativi. Il maggior prelievo fiscale viene quindi in qualche modo “compensato” da un maggior rendimento.

Fra le obbligazioni sulla cui cedola la tassazione è al 26% ci sono per esempio quelle di:

  • Eni
  • Telecom
  • Apple
  • Ibm

Abbiamo citato solo pochi esempi, ma come puoi ben capire la scelta è vastissima. Quello dei corporate è un settore sterminato e molto variegato.

Puoi scegliere l’investimento che fa maggiormente al caso, ma qualunque scelta tu faccia non ti dimenticare mai che la tassazione cedole obbligazioni corporate è al 26% e non al 12,5%.

Articolo scritto da: Luca Ferrari

Luca Ferrari

Nato a Bologna, Luca Ferrari si è trasferito a Londra dopo la laurea.
Nella capitale finanziaria mondiale ha prima ottenuto un master in Finance e poi ha coronato il suo sogno entrando in una delle più prestigiose merchant bank, Citigroup.
Luca nel tempo libero è un appassionato runner. Per Trading Sicuro si occupa di Forex e Criptovalute.

Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *